eGate a Rimini

eGate a Rimini

Il sistema ad isole ecologiche stradali eGate: dalla sperimentazione in un comune...

eGate a Firenze

eGate a Firenze

emz si è aggiudicata la gara d’appalto relativa alla fornitura comprensiva di montaggio e...

eGate a Venezia

eGate a Venezia

Veritas S.p.A. (Venezia): Dalla sperimentazione in un quartiere di Mestre all’applicazione su...

eGate a Brescia

eGate a Brescia

Dopo una sperimentazione effettuata in un comune della cintura di Brescia, Aprica S.p.A. che fa...

  • eGate a Rimini

    eGate a Rimini

  • eGate a Firenze

    eGate a Firenze

  • eGate a Venezia

    eGate a Venezia

  • eGate a Brescia

    eGate a Brescia

 

All’inizio reagiscono peggio gli anziani. Ma è solo questione di organizzazione mentale. Appena capiscono come funziona si adeguano. Protestano di più le giovani famiglie, poco tempo a disposizione, bambini piccoli e pannolini, poca dimestichezza con il tema rifiuti. Più difficile ancora per Quadrifoglio, che da febbraio scorso usa nel quartiere di San Jacopino – via Doni e Viale Redi – piazza Puccini il sistema di raccolta rifiuti a “controllo volumetrico” con chiave per ogni utente per il cassonetto dell’indifferenziato, mettersi in sintonia con chi non ha residenza stabile. A cominciare dagli studenti della Casa dello studente, 200 appartamenti e altrettante chiavi, quando cambia il turno. “Ma dopo i primi due mesi di incertezze e spiegazioni da parte nostra il sistema ormai funziona”, dice l’ingegner Domenico Scardamella, responsabile servizi di Quadrifoglio.                  

Ma quale è il segreto che ha convinto 10.000 nuclei familiari a far crescere la raccolta differenziata dal 37,2% al 73,6% con una riduzione dei rifiuti per ogni abitante del 18%? Scardamella racconta.

Sono 520 cassonetti in 104 postazioni, ognuna con 5 cassonetti accostati (indifferenziato, organico, vetro, carta, multimateriale, ossia plastica, lattine e tetrapack) di cui quello dell’indifferenziato usabile solo con chiave-grande fratello del rifiuto. La chiave ha il tuo nome e il tuo indirizzo, ogni conferimento viene registrato, la registrazione passa tramite wi-fi al camion della raccolta che a sua volta la trasmette al data base di Quadrifoglio. Lì, attraverso una curva di Gausman, spiega l’ingegnere, si capisce chi non porta mai i rifiuti e chi porta troppi sacchetti. Dalla calotta del cassonetto non passa rifiuto più voluminoso di un normale sacchetto da 20 litri, quanto basta per l’indifferenziato di una famiglia di quattro persone. Dalla chiave si scopre come frequenti il cassonetto e anche se stai da una parte e vai a buttare la spazzatura da un’altra. Se non butti nessun sacchetto o se ne butti più di uno al giorno significa che potresti ficcare l’indifferenziato nell’organico o nella carta oppure mettere l’organico e carta tra i rifiuti indifferenziati. Quadrifoglio ti cerca, chiede spiegazioni, se hai una giustificazione ragionevole ok, se non hai capito ti viene spiegato, altrimenti ti arriva una multa di 160 euro. Scardamella dice di averne mandate alcune, anche a chi, e quello è il neo, lascia il sacchetto per terra: ”Quasi in ogni sacchetto si trovano indizi del possessore. In genere però i cittadini, dopo un po’, collaborano egregiamente”, si dice alla quadrifoglio. Uno, perché temono di essere scoperti, e due perché, se il problema viene affrontato “ormai le coscienze sono mature per capire il valore della differenziata”. 

Fonte: Ilari Ciuti - La Repubblica 31.08.2013

EMZ Gallery

EMZ Eventi

News

Area clienti

Per accedere alla tua area riservata cliente clicca sul link qui sotto ed inserisci nome utente e password.

Clicca qui per scaricare i dati relativi ai conferimenti

 

Contatti

emz-tecnolgie ambientali S.r.l.
Via Galvani 33

I-39100 Bolzano

Tel. +39 0471 922889
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
P.I. IT02522890215

Privacy

Concept: Longo Spa

 

Scroll to top