eGate a Rimini

eGate a Rimini

Il sistema ad isole ecologiche stradali eGate: dalla sperimentazione in un comune...

eGate a Firenze

eGate a Firenze

emz si è aggiudicata la gara d’appalto relativa alla fornitura comprensiva di montaggio e...

eGate a Venezia

eGate a Venezia

Veritas S.p.A. (Venezia): Dalla sperimentazione in un quartiere di Mestre all’applicazione su...

eGate a Brescia

eGate a Brescia

Dopo una sperimentazione effettuata in un comune della cintura di Brescia, Aprica S.p.A. che fa...

  • eGate a Rimini

    eGate a Rimini

  • eGate a Firenze

    eGate a Firenze

  • eGate a Venezia

    eGate a Venezia

  • eGate a Brescia

    eGate a Brescia

20 Marzo 2014, 08.19

La Nostra Valle Online

 

 

A questa domanda ha cercato di dare risposta un’indagine affidata dalla Comunità montana e da Aprica
ai sondaggisti della Ipsos Loyalty

 

Sondaggisti che nei 25 Comuni della valle, più
Muscoline, hanno intervistato 600 utenze domestiche
e 100 commerciali.
Obiettivo, conoscere il livello di soddisfazione rispetto
al servizio offerto.
Una realtà, quella valsabbina, non
del tutto omogenea per le modalità di raccolta, quindi
il campione degli intervistati è risultato casuale,
ma rappresentativo per Comune di residenza e presenza
o meno dei cassonetti a calotta.


Dai dati raccolti con l’indagine è emerso che la soddisfazione globale complessiva delle utenze presenta un valore medio di 7,81 su una scala che va da 1 a 10. 

La soddisfazione globale per la raccolta dei rifiuti urbani presenta valori molto positivi con tre quarti degli intervistati che esprimono una valutazione tra 8 e 10, con un valore medio di 8,20. 


Fra gli aspetti specifici della raccolta dei rifiuti urbani quello che viene giudicato maggiormente positivo è la ridotta rumorosità del servizio e dei mezzi in azione per la raccolta dei rifiuti. 

Quello giudicato meno soddisfacente risulta essere la pulizia delle aree circostanti i cassonetti e i contenitori.

Positiva anche la valutazione nei confronti dei cassonetti a calotta (con una media di 7,44, su 10): giudizio motivato dalla comodità e semplicità d’utilizzo. Secondo più della metà degli intervistati (55,3%) i cassonetti a calotta sono migliori dei precedenti ad apertura manuale, principalmente perché educano i cittadini a differenziare, permettono di aumentare la quantità di rifiuti che viene riciclata e per motivi di maggiore igiene e pulizia. 


Va detto che laddove sono stati adottati i cassonetti a calotta (più di metà degli abitanti), la raccolta differenziata è passata in tempi brevi dal 30/40% a valori di oltre il 70% (vedi tabella). 


E’ però presente anche un 17,4% di intervistati che esprime un voto uguale o inferiore a 5 per le calotte, dovuto principalmente alla quantità di rifiuto che si può conferire, che è necessariamente più ridotta rispetto a quella dei cassonetti ad apertura manuale.

Molto positive le valutazioni nei confronti della raccolta dei rifiuti organici, introdotta nei comuni dotati di cassonetti a calotta, sia per quanto riguarda la valutazione globale (8,68 di media e 8,13 per le utenze commerciali), grazie soprattutto alla frequenza di svuotamento dei cassonetti e al fatto di ritenere giusto differenziare e separare anche l’organico.


Leggermente più basso il valore relativo alla soddisfazione di pulizia di strade e marciapiedi, comunque positivo, con un voto pari a 7,19.

I valsabbini si sono dichiarati tutto sommato soddisfatti anche della raccolta di rifiuti ingombranti e pericolosi, delle isole ecologiche, della presenza dell’Ecocar per il ritiro dei rifiuti pericolosi di provenienza domestica, che però è conosciuto da meno della metà dei cittadini che vivono nei paesi dove questo strumento viene utilizzato. 

«Accanto ai dati lusinghieri sulle scelte fatte dalla Valle di utilizzare i cassonetti a calotta, questa indagine ci ha dato anche indicazioni in merito ad alcune criticità, come la mancata conoscenza dell’ecocar e lo scarso utilizzo dei canali di contatto con Aprica – ha detto il presidente della Comunità montana Giovanmaria Flocchini -. Aspetti che verranno dunque approfonditi dalla Comunità montata con Aprica perché possano essere individuate le modalità per migliorarli ed ottimizzarli».

C’è una tabella significativa:

Progressivamente, mano a mano che i Comuni aderivano alla proposta di riorganizzazione del servizio, si è provveduto all’installazione delle calotte raggiungendo in tempi brevi i seguenti risultati:

Comune

Ab.

%RD [anno 2012]

Attivazione calotta

%RD

Roè Volciano

4.590

45,15%

set-12

73,85%

Vallio Terme

1.425

44,87%

ott-13

75,11%

Gavardo

12.008

46,15%

ott-12

71,08%

Muscoline

2.618

33,94%

mag-13

75,33%

Sabbio Chiese

3.917

37,63%

feb-14

n.d.

Villanuova sul Clisi

5.851

32,90%

nov-12

68,20%

Vobarno

8.291

27,79%

giu-13

72,81%

TOTALE

40.816

     

       

Pubblicato il 20/03/2014 08:19:00               

2008 © Tutti i diritti sono riservati – Autogestione contenuti diSistema Edizioni Valle Sabbia Srl
C.F. e P.IVA 02794810982 –
GLACOM®

 

 

 

 

EMZ Gallery

EMZ Eventi

News

Area clienti

Per accedere alla tua area riservata cliente clicca sul link qui sotto ed inserisci nome utente e password.

Clicca qui per scaricare i dati relativi ai conferimenti

 

Contatti

emz-tecnolgie ambientali S.r.l.
Via Galvani 33

I-39100 Bolzano

Tel. +39 0471 922889
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
P.I. IT02522890215

Privacy

Concept: Longo Spa

 

Scroll to top